Contattaci per una consulenza +39 091 58 58 64 o per email info@studiolegaleacp.it
Seguici sui Social Network
Contattaci per una consulenza +39 091 58 58 64 o per email info@studiolegaleacp.it
Seguici sui Social Network
Lo studio legale acp spiega come ottenere la cittadinanza italiana
Come si ottiene la cittadinanza italiana?

La cittadinanza, come tutti sappiamo, è l’appartenenza di una persona ad uno Stato. Con la cittadinanza italiana il cittadino può godere pienamente dei diritti civili e politici italiani.

Si sente molto parlare di questo argomento sui media nazionali, tuttavia alcuni aspetti non sono sempre chiari a tutti. Vi proponiamo quindi un approfondimento in materia, spiegando chi ha diritto alla cittadinanza italiana e come può ottenerla, in base alla legge n. 91 del 5 febbraio 1992 e ai regolamenti di esecuzione n. 572/93 e 362/94.

Chi ha diritto alla cittadinanza italiana?

Ci sono due modalità di acquisizione della cittadinanza italiana: l’acquisizione automatica e l’acquisizione su domanda.

Acquisizione automatica

Si può acquisire la cittadinanza automaticamente per:

ius sanguinis (diritto di sangue) nei casi di persone straniere nate da almeno un genitore italiano;

ius soli (diritto di suolo) quando la persona nasce sul territorio italiano da genitori ignoti o apolidi, da genitori che non trasmettono la propria cittadinanza al figlio secondo la legge dello Stato di appartenenza, oppure infine in caso di abbandono sul territorio italiano;

adozione di un minore da almeno un cittadino italiano.

Acquisizione su domanda

L’acquisizione su domanda è valida in caso di matrimonio e residenza.

Per quanto riguarda il matrimonio, il cittadino straniero o apolide può richiedere la cittadinanza se risiede in Italia da almeno 12 mesi con figli nati o adottati dalla coppia, oppure se risiede da almeno 24 mesi con il coniuge italiano. Se invece il richiedente è residente all’estero, i tempi sono di 18 mesi in presenza di figli, altrimenti 36 mesi dal matrimonio.

 

La cittadinanza italiana per residenza, invece, è concessa dal Ministero dell’Interno se lo straniero, residente in Italia, possiede almeno uno dei requisiti richiesti:

– è nato e risiede in Italia da almeno 3 anni;

– discende in linea retta da un cittadino italiano e vive in Italia da almeno 3 anni;

– è maggiorenne ed è stato adottato da un cittadino italiano e risiede in Italia da almeno 5 anni dall’adozione;

– ha prestato servizio alle dipendenze dello Stato italiano;

– è un cittadino dell’Unione Europea e risiede legalmente in Italia da almeno 4 anni;

– è un apolide o un rifugiato e risiede in Italia da almeno 5 anni;

– è un extracomunitario legalmente residente in Italia da almeno 10 anni.

 

Oltre a rientrare in uno di questi parametri, lo straniero deve anche dimostrare di aver guadagnato un minimo di 8.500,00 euro annuali nei tre anni precedenti alla presentazione della domanda di cittadinanza.

Come presentare la domanda per la cittadinanza italiana?

Una volta in possesso di tutti i requisiti sopra esposti, lo straniero può presentare la domanda per l’ottenimento della cittadinanza italiana presso la Prefettura, compilando l’apposito modulo scaricabile dal sito del Ministero dell’Interno.

In aggiunta al modulo compilato, si devono presentare:

Codice fiscale.

Permesso di soggiorno

Passaporto e carta d’identità

Certificato di nascita rilasciato dal Paese di origine, legalizzato per l’uso in Italia e munito anche della traduzione legalizzata (in originale e in copia conforme); questo documento deve riportare tutte le generalità dell’interessato e dei suoi genitori. In caso di apolide o rifugiato, il richiedente può presentare un’autocertificazione equivalente, approvata dalla Cancelleria o da un ufficio giudiziario.

Certificazione penale rilasciata dal Paese di origine, legalizzata per l’uso in Italia e munita di traduzione anch’essa legalizzata; questo documento è valido per sei mesi dal momento del rilascio. In caso di apolide o di rifugiato, è possibile presentare un’autocertificazione nella quale si dichiarano, sotto la propria responsabilità,  eventuali condanne penali o procedimenti penali in corso.

 

Presentata la domanda, gli organi competenti hanno a disposizione 730 giorni per gli accertamenti di rito. Se la domanda viene accolta, lo straniero viene chiamato per prestare giuramento e diventare così cittadino italiano a tutti gli effetti.

Per maggiori informazioni, contattaci al n. 091585864, o manda una mail a info@studiolegaleacp.it oppure ancora su Skype, aggiungendo l’account studiolegaleacp, un nostro esperto sarà a tua completa disposizione.

Leave a Reply