Contattaci per una consulenza +39 091 58 58 64 o per email info@studiolegaleacp.it
Seguici sui Social Network
Contattaci per una consulenza +39 091 58 58 64 o per email info@studiolegaleacp.it
Seguici sui Social Network

Il Tribunale di Roma, con sentenza n. 2636 del 18 febbraio 2022 ha accolto la richiesta di annullamento della delibera di assemblea condominiale da parte di una donna per violazione dell’iter di convocazione

L’art. 1136 del codice civile afferma chiaramente che un’assemblea condominiale non può deliberare se tutti i condomini non sono stati invitati alla riunione entro i termini previsti.

Qualsiasi decisione presa in tale sede deve essere considerata nulla. Ecco il caso.

Delibera di assemblea condominiale non valida: il caso

Una condomina afferma di non aver ricevuto la convocazione dell’assemblea e pertanto cita in giudizio il condominio chiedendo l’annullamento della delibera per violazione delle norme di convocazione. 

Il Condominio, in sua difesa, sostiene di aver proceduto secondo legge, inviando l’avviso di assemblea a tutti gli aventi diritto a partecipare tramite posta privata. La lettera, però, non viene consegnata alla signora dall’addetto postale, ma lasciata nelle mani del portiere dello stabile.  

Chiamato a difendersi, il Condominio ha prodotto come prova una copia della raccomandata spedita, ma per i giudici non è stato sufficiente.

Posto che l’invio della convocazione è stato effettuato secondo legge, il Tribunale ha ritenuto errata la consegna al portiere piuttosto che alla legittima destinataria, poiché egli non è mai stato incaricato dal condomino quale delegato a ricevere posta riservata.  

Per questi motivi, la domanda della donna è stata accolta e la delibera dell’assemblea condominiale è stata dichiarata nulla.

consegna convocazione assemblea di condominio

Quali sono le modalità di convocazione dell’ assemblea condominiale

Quando viene convocata un’assemblea di condominio, tutti i proprietari di unità abitative devono essere invitati a partecipare. L’avviso di convocazione è regolato dall’art. 66 delle disposizioni di attuazione del codice civile e, più precisamente, dal comma 3, il quale dice che:

  • l’avviso di convocazione deve contenere indicazione di giorno, ora e luogo dell’assemblea;
  • deve essere comunicato almeno con cinque giorni di preavviso dalla data fissata;
  • la comunicazione deve avvenire a mezzo posta raccomandata, posta elettronica certificata, fax o consegna a mano.

In caso di tardiva o errata modalità di convocazione, la decisione presa in assemblea deve considerarsi annullabile, ai sensi dell’art. 1137 del codice civile.

Per maggiori informazioni, contattaci al n. 091585864, o manda una mail a info@studiolegaleacp.it oppure ancora su Skype, aggiungendo l’account studiolegaleacp, un nostro esperto sarà a tua completa disposizione.

 

Leave a Reply