fbpx
Contattaci per una consulenza +39 091 58 58 64 o per email info@studiolegaleacp.it
Seguici sui Social Network
Contattaci per una consulenza +39 091 58 58 64 o per email info@studiolegaleacp.it
Seguici sui Social Network

Dirigente inoperoso senza incarichi effettivi: azienda condannata?

 
Se un dirigente risulta inoperoso all’interno di un’ azienda, la stessa viene condannata per abuso nei confronti del dipendente. E’ il caso di un lavoratore che ha ottenuto un risarcimento di oltre 3mila euro per aver subito una forte discriminazione nell’ambiente di lavoro ottenendo il ruolo di dirigente a disposizione del direttore generale, ma  privato dall’azienda di incarichi operativi e di aggiornamento professionale.
(Corte di Cassazione, sez. Lavoro, ordinanza n. 27078/20; depositata il 26 novembre).
 

Dirigente inoperoso senza incarichi concreti: azienda condannata

Scontro tra azienda e dipendente: il lavoratore reclama il suo diritto alla carriera che risulta «congelata» con la nomina a «dirigente a disposizione del direttore generale» , ma risultante inoperoso con assenza di incarichi concreti.
Per i Giudici di merito sono legittime le richieste del dirigente ritenendo l’azienda colpevole di demansionamento e viene condannata a versargli 3mila e 337 euro «corrispondenti alla metà della retribuzione mensile percepita»  come «risarcimento al danno di professionalità» subito dal lavoratore. Respinta, invece, la richiesta di un risarcimento del danno morale.
 
Dirigente inoperoso senza incarichi effettivi: azienda condannata? Studio legale acp
 
L’azienda, di contro, rigetta l’ipotesi della dequalificazione e propone ricorso in Cassazione, contestando la sentenza emessa in Appello per «l’irrilevanza del conferimento dell’incarico di vice dirigenza».
I Giudici di secondo grado hanno affermato che «non risultava affatto mantenuta, pur nell’attribuzione dell’incarico di vice dirigenza, la professionalità del dipendente, sia quantitativamente, per l’assenza totale (o per un’attribuzione del tutto sporadica) di incarichi direttivi, sia qualitativamente, in relazione al concreto esercizio dei poteri di delega in ordine ai quali non era risultato, dall’istruttoria espletata, l’esercizio di poteri effettivi direttivi».
I legali dell’azienda sostengono che sia necessaria una diversa «interpretazione evolutiva con riguardo alla peculiarità della categoria dirigenziale, e, in particolare, del cosiddetto “top mangement”».
 
La Cassazione dichiara che non viene colta «la sostanza della situazione venutasi a creare, e cioè, come accertato dal Giudice di appello, la inattività del dipendente (e non un diverso rapporto con i vertici aziendali)».
Decisiva la versione offerta dal lavoratore che sostenuto di «non essere adibito ad alcuna attività confacente il proprio inquadramento», mentre l’azienda non ha portato nessuna prova che porti a «dimostrare l’assegnazione del dipendente a mansioni corrispondenti al profilo professionale».
Per quanto riguarda il danno da demansionamento, la Cassazione approva la decisione presa in secondo grado in quanto è stato dimostrato il danno ponendo l’accento sulla «rapida evoluzione delle tecnologie» e sulla «necessaria conoscenza da parte del “top manager” delle informazioni non strettamente tecniche ma correlate alle complesse problematiche relative all’organizzazione e produzione aziendali, richiedenti costante aggiornamento professionale, venuto meno per effetto del demansionamento».
 
Dirigente inoperoso senza incarichi effettivi: azienda condannata? Studio legale acp
 
Incontestabile, dunque, la condanna dell’azienda, affermano i Giudici della Cassazione. Una volta comprovato lo stato di inoperosità del lavoratore qualificato a una posizione di dirigente a disposizione del direttore generale,  l’azienda infatti «non ha esplicitato in alcun modo quali fossero le attribuzioni di tale figura professionale», contribuendo a danneggiare anche la stessa immagine professionale del dipendente.
 

Per maggiori informazioni, contattaci al n. 091585864, o manda una mail a info@studiolegaleacp.it oppure ancora su Skype, aggiungendo l’account studiolegaleacp, un nostro esperto sarà a tua completa disposizione.

Leave a Reply