Contattaci per una consulenza +39 091 58 58 64 o per email info@studiolegaleacp.it
Seguici sui Social Network
Contattaci per una consulenza +39 091 58 58 64 o per email info@studiolegaleacp.it
Seguici sui Social Network

Oggi, 5 giugno, si celebra la Giornata Mondiale dell’Ambiente. Un’occasione per riflettere sui problemi e le criticità che affliggono il nostro pianeta.
Proclamata nel 1972 dall’assemblea Generale delle Nazioni Unite, a Stoccolma, il World Environment Day è stato l’occasione per varare il Programma delle Nazioni Unite per l’Ambiente (UNEP ovvero United Nations Environment Programme), con l’obiettivo di impegnarsi nella promozione della tutela ambientale e nell’utilizzo sostenibile delle risorse naturali.
Ogni anno l’UNEP sceglie di far partire il suo programma di sensibilizzazione da un paese ospitante e al contempo determina il tema attraverso il quale promuovere l’intera campagna di promozione della tutela ambientale.
Nel 2018 il paese ospitante è l’India e il tema scelto è forse uno dei più urgenti e preoccupanti degli ultimi anni: l’inquinamento dei mari e degli oceani, messi sempre più a dura prova dalla plastica.
La campagna “Beat Plastic Pollution – if you can’t reuse it, refuse it”, appunto, ha come scopo prevalente quello di sollecitare governi, aziende e cittadini a cercare alternative alla plastica monouso, al fine di ridurne la produzione ed il consumo.

Ogni anno, nel pianeta, vengono utilizzati ben 500 miliardi di buste di plastica e 8 milioni di tonnellate di prodotti plastici finiscono negli oceani.
Ogni minuto vengono acquistati 1 milione di bottiglie di plastica, un numero che rappresenta il 10% di tutti i rifiuti del mondo.
Solo una piccolissima parte di questi viene riciclata, in quanto la plastica è un materiale difficile da recuperare e pressoché indistruttibile.

Quest’anno, durante questa campagna, dall’India saranno organizzati diversi eventi sul tema della lotta alla plastica, che vedranno il coinvolgimento attivo dei cittadini. L’obiettivo del Governo indiano è quello di dare il buon esempio e far capire che ognuno di noi può fare qualcosa per combattere l’inquinamento del mare, primo tra tutti limitare l’uso della plastica monouso.
Tutti noi, quindi, possiamo e dobbiamo fare qualcosa nella lotta alla plastica e questo non deve mai essere dimenticato.

Leave a Reply