Contattaci per una consulenza +39 091 58 58 64 o per email info@studiolegaleacp.it
Seguici sui Social Network
Contattaci per una consulenza +39 091 58 58 64 o per email info@studiolegaleacp.it
Seguici sui Social Network

startup studio legale acp palermo napoli milano trapani

Cos’ è e come funziona?

Il Crowdfunding è una raccolta fondi, attuata normalmente tramite il web, grazie alla quale un gruppo di individui, contribuendo con piccoli ma preziosi sforzi, rende possibile il finanziamento di progetti e/o iniziative di persone o di organizzazioni.
Concretamente si tratta di un fenomeno mediante il quale il promotore di un’iniziativa a carattere economico, sociale, culturale o benefico richiede al pubblico indistinto (crowd), tramite un sito internet (il portale o piattaforma), somme di denaro, anche di modesta entità, per sostenere il proprio progetto (funding).
Nato in Australia e negli Stati Uniti, questo tipo di finanziamento ha trovato concreti riscontri tra le Start Up e le PMI innovative: sono molte, infatti, le piattaforme di crowdfunding attive in Italia e quelle attive a livello internazionale, attualmente online.

I 4 MODELLI DEL CROWDFUNDING

Esistono diversi modelli e diverse tipologie di crowdfunding, distinte in base alla finalità per la quale si raccolgono le risorse finanziarie, oppure in relazione alla remunerazione prevista per i finanziatori del web:
– Donation: in questa tipologia l’investitore effettua una donazione in denaro senza ricevere nulla in cambio (mirato più al settore sociale e civile ed alle iniziative no profit);
– Reward: questo modello prevede, in cambio di una donazione in denaro, una ricompensa non monetaria: la ricezione di un premio oppure un riconoscimento immateriale, come un ringraziamento pubblico sul sito della società neo costituita;
– Social Lending: si caratterizza per l’erogazione di prestiti diretti/personali tra privati su internet, ovvero senza ricorrere alla figura di intermediari finanziari, come le Banche. Questo genere di piattaforme mette in relazione chi ha necessità di raccogliere il denaro con chi ha interesse a prestarlo, consentendo a quest’ultimi di ottenere in cambio una remunerazione del capitale sotto forma di interessi;
– Equity Based: consente agli investitori, mediante piattaforme web autorizzate, di finanziare imprese e progetti innovativi, ottenendo in cambio una partecipazione nella compagine sociale dell’impresa finanziata ed è l’unica forma regolamentata in Italia dalla Consob.
Nel 2012 infatti, con l’obiettivo di favorire lo sviluppo di un canale di finanziamento alternativo rispetto al credito bancario, il Governo ha disciplinato lo svolgimento dell’attività di equity crowdfunding in Italia, attraverso il regolamento del 26.06.2013 ed il c.d. Decreto Crescita bis.

Il ruolo delle piattaforme di crowdfunding è di concentrare su un portale online i progetti presentati dalle startup e l’interesse dei potenziali investitori, facilitando in questo modo la raccolta di capitale da parte dei primi.

CROWDFUNDING STARTUP INNOVATIVE: cosa sono le start up?

Le start up innovative sono piccole società di capitali italiane (spa, srl o cooperative) impegnate in settori innovativi, tecnologici o a vocazione sociale.
Il “Decreto crescita bis” stabilisce i requisiti che tali società devono possedere e dispone diverse semplificazioni normative per favorirne la diffusione e lo sviluppo:
– costituite da meno di 5 anni;
– avere sede principale in Italia o in altro Paese dell’Unione Europea o in Stati aderenti all’accordo sullo spazio economico europeo, purché con una sede produttiva/filiale in Italia;
– abbiano un fatturato annuo inferiore a 5 milioni di euro;
– non siano quotate su un mercato regolamentato, né su una piattaforma multilaterale di negoziazione;
– non distribuiscano o abbiano distribuito utili;
– abbiano come oggetto sociale esclusivo o prevalente lo sviluppo, la produzione e la commercializzazione di prodotti/servizi innovativi e tecnologici;
– non siano nate da fusioni o scissioni societarie.
Le Start-Up innovative, per offrire i propri strumenti finanziari, debbono registrarsi in una sezione speciale del Registro delle Imprese. L’iscrizione è gratuita ed avviene mediante l’inoltro telematico alla Camera di Commercio territorialmente competente di una dichiarazione di autocertificazione di possesso dei requisiti di legge sopra indicati.

I RISCHI: QUALI SONO E COME TUTELARSI

Il ruolo fondamentale dei portali di equity crowdfunding è quello di assicurare che gli investitori possano comprendere appieno caratteristiche e rischi degli investimenti proposti, prendendo visione della relativa informativa presente nel portale.
Proprio per la delicatezza delle informazioni gestite sulle Start-Up innovative e sulle offerte promosse dalle stesse, infatti, i portali di equity crowdfunding debbono necessariamente essere gestiti da soggetti autorizzati, ovvero:
– soggetti autorizzati dalla Consob ed iscritti in un apposito registro tenuto dalla Autorità stessa;
– Banche e le Imprese di Investimento già autorizzate alla prestazione di servizi di investimento.
Il rischio è innanzitutto in funzione delle diverse tipologie di crowdfunding.
Nell’equity-based crowdfunding ad esempio, il rischio principale è sicuramente rappresentato dall’investimento di capitali in società quali le startup innovative che per definizione si caratterizzano per le ridotte probabilità di successo imprenditoriale. In generale, un primo tipo di rischio è rappresentato dal fatto che il crowdfunding è spesso interpretato come una risposta alla crisi economica e finanziaria.
Questo tipo di investimento presenta, infatti, caratteristiche particolari e rischi economici più elevati rispetto agli investimenti tradizionali. Trattandosi di una realtà nuova, senza una storia, la Start-Up innovativa offre un’idea e un progetto per realizzarla ma nulla può promettere in ordine ai dividendi.
Dunque….
Prima di investire tramite portali online è bene conoscere tutti gli aspetti che disciplinano l’operazione e i diritti e gli obblighi conseguenti la scelta d’investimento, anche avvalendosi della consulenza di un esperto in materia, che aiuti nella scelta e nel genere di investimento che si vuole effettuare.

Desideri avere maggiori informazioni su questo tema? Contattaci al n. 091/585864, ovvero manda una mail a info@studiolegaleacp.it ovvero ancora su skype, aggiungendo l’account studiolegaleacp, un nostro esperto sarà a tua disposizione.

Leave a Reply