fbpx
Contattaci per una consulenza +39 091 58 58 64 o per email info@studiolegaleacp.it
Seguici sui Social Network
Contattaci per una consulenza +39 091 58 58 64 o per email info@studiolegaleacp.it
Seguici sui Social Network

Lascia la moglie e crea una nuova famiglia: i figli adottivi devono essere risarciti?

Lascia la moglie e crea una nuova famiglia: i figli adottivi hanno diritto di essere risarciti. L’ha stabilito la Corte di Cassazione, con l’ordinanza n. 9188/21 depositata il 2 aprile scorso. Ordinanza, questa, che ha stabilito in capo al padre separato l’obbligo di risarcire i due figli con Euro 40.000. Il motivo? La separazione ha riacutizzato il trauma dell’abbandono già vissuto dai ragazzi in tenera età.

Lascia la moglie e crea una nuova famiglia: i figli adottivi devono essere risarciti?

Lascia la moglie e crea una nuova famiglia – La vicenda

La vicenda ha per protagonista i figli adottivi di una coppia separata. La Corte d’Appello confermava in capo all’uomo l’obbligo di mantenimento per i figli, ed elevava ad Euro 1.500 euro il contributo mensile da versare alla moglie. Soprattutto, però, lo costringeva a versare Euro 40.000 cadauno a titolo di risarcimento dei danni non patrimoniali causati dalla sua condotta illecita come padre. “Il ristoro economico è dovuto al fatto che per i minori, adottati dai coniugi in tenera età, la separazione ha riacutizzato il trauma dell’abbandono, determinando una profonda sofferenza psichica e ponendo a grave rischio l’equilibrio futuro” hanno scritto i Giudici nella sentenza.

Perché se il marito lascia la moglie e crea una nuova famiglia i figli adottivi hanno diritto al risarcimento? Perché, nel caso in questione, la separazione coniugale e le modalità traumatiche della rottura sono esclusivamente imputabili all’uomo, che si è trasferito in una città diversa doveva ha creato una nuova famiglia. Un comportamento, questo, che ha generato una grave condizione di deprivazione e senso di abbandono nei suoi figli adottivi, considerata la loro maggiore fragilità. Il diritto al risarcimento è dunque dovuto al “vuoto emotivo, relazionale e sociale dettato dall’assenza paterna che si è concretizzato
nella lesione del diritto costituzionale di vivere ed essere mantenuti ed educati da entrambi i genitori“.

Lascia la moglie e crea una nuova famiglia: i figli adottivi devono essere risarciti?

La decisione della Cassazione

Inutile il ricorso dell’uomo alla Corte di Cassazione.

I giudici della Corte Suprema hanno stabilito la legittimità del mantenimento per la moglie, in quanto impossibilitata a lavorare. Quando ancora erano sposati, la donna era impegnata in attività strettamente collegate a quelle del marito. E, al momento della separazione, aveva la necessità di occuparsi della madre e dei due figli.

In merito al risarcimento per i figli, l’uomo sosteneva di non aver mai fatto mancare loro niente e di essere stato ostacolato dalla moglie nel mantenimento del rapporto. Inoltre, sosteneva che il danno non risultasse dimostrato “su obiettivi criteri di scientificità e di carattere medico-legale, non risultando descritti neanche i sintomi della sofferenza che avrebbe colpito i minori”.

In realtà, i figli mostravano entrambi un quadro clinico complesso, con necessità di una terapia di sostegno. Cresciuti in un orfanotrofio, la separazione e l’allontamento del padre hanno riacutizzato in loro il trauma dell’abbandono, determinando nell’immediato una profonda sofferenza e ponendo a grave rischio il loro futuro equilibrato sviluppo.

Da qui la decisione: se il marito lascia la moglie e crea una nuova famiglia, creando una profonda sofferenza nei figli adottivi già in passato abbandonati, è tenuto a risarcirli.

Per maggiori informazioni, contattaci al n. 091585864, o manda una mail a info@studiolegaleacp.it oppure ancora su Skype, aggiungendo l’account studiolegaleacp, un nostro esperto sarà a tua completa disposizione.

Leave a Reply