Contattaci per una consulenza +39 091 58 58 64 o per email info@studiolegaleacp.it
Seguici sui Social Network
Contattaci per una consulenza +39 091 58 58 64 o per email info@studiolegaleacp.it
Seguici sui Social Network

News e Contenuti

Se il coniuge frequenta siti d’incontri, la separazione è a carico suo

Con l’ordinanza n. 3879/21, depositata il 16 febbraio, la Cassazione ha confermato la decisione dei Giudici d’Appello: se il coniuge frequenta siti d’incontri, la separazione è a carico suo. Se il coniuge frequenta siti d’incontri, la separazione è a carico suo – La vicenda La vicenda ha per protagonista una donna che, scoperti i ripetuti tradimenti del marito, decideva di lasciare il tetto coniugale. Sia in Tribunale che in Corte d’Appello, la rottura del legame matrimoniale veniva addebitata all’uomo. Il...
La banca è tenuta a risarcire chi subisce prelievi fraudolenti

Sim Swap Fraud – La banca è tenuta a risarcire chi subisce prelievi fraudolenti

Lo scorso 4 febbraio, il Collegio di Milano si è pronunciato in merito alla truffa “Sim Swap Fraud”. E ha dato ragione al nostro assistito, che si è visto così restituire la somma (pari a € 11.450,00) sottratta dal suo conto. La banca è tenuta a risarcire chi subisce prelievi fraudolenti a causa di tale truffa poiché  non sussiste la colpa grave del titolare del conto. La truffa “Sim Swap Fraud” – La vicenda La vicenda risale al 13 marzo...
egistrare il capo che minaccia

È ammesso registrare le conversazioni all’interno del luogo di lavoro?

Registrare il capo o i colleghi che minacciano è consentito. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione, con la seguente motivazione: “Le registrazioni di colloqui ad opera di una delle persone presenti e partecipi ad essi, effettuate all’insaputa dei soggetti coinvolti – posto che vengano adottate tutte le dovute cautele al fine di non diffondere le registrazioni – trattandosi di una condotta posta in essere dal dipendente per tutelare la propria posizione all’interno dell’azienda ritenuta pregiudicata dalla condotta altrui, sono legittime e come...
ammanco di cassa

Ammanco di cassa: il responsabile licenziato e costretto a risarcire

La Corte di Cassazione, con l’ordinanza n. 2968/21 depositata l’8 febbraio scorso, ha condannato al licenziamento e al risarcimento del danno l’addetto alla contabilità di uno studio notarile. Il motivo? Un ammanco di cassa a lui imputabile, che gli è costato il posto di lavoro e che l’ha costretto a 120mila euro di risarcimento. Ammanco di cassa e responsabilità del dipendente – La vicenda La vicenda ha per protagonista uno studio notarile e l’addetto alla sua contabilità. Lo studio notarile...

Il dipendente non serve il cliente senza mascherina: illegittimo il licenziamento

Da quando la pandemia è scoppiata, e le disposizioni anti-Covid sono entrate nella vita personale e lavorativa di ognuno, non è difficile che tra datore di lavoro e dipendente vi siano dei disaccordi. Ad esempio, come comportarsi se il dipendente non serve il cliente senza mascherina? Sul caso è intervenuto il Tribunale d’Arezzo che, con la sentenza n. 9/21 depositata il 13 gennaio scorso, ha definito illegittimo il licenziamento. Il dipendente non serve il cliente senza mascherina – La vicenda...

Riduzione dell’assegno divorzile: può essere ottenuta anche in appello con nuovi documenti

La riduzione dell’assegno divorzile può avvenire, se il coniuge presenta in appello nuovi e validi documenti. L’ha stabilito la Corte di Cassazione, con l’ordinanza n. 27234/20 depositata lo scorso 30 novembre in cui si legge: “È ammissibile l’acquisizione di nuovi mezzi di prova, in specie documenti, a condizione che sia assicurato un pieno e completo contraddittorio tra le parti”. Riduzione dell’assegno divorzile – La vicenda La vicenda ha per protagonista una coppia di ex coniugi. La Corte d’Appello di Firenze approvava...
caduta davanti al negozio

Caduta davanti al negozio: quando il risarcimento è dovuto

La persona che cade davanti al negozio deve essere risarcita dal titolare, se la caduta è da imputarsi ad un suo comportamento (o al comportamento di chi ha agito per conto suo). L’ha stabilito la Corte di Cassazione, con l’ordinanza n. 1107/21 depositata il 21 gennaio 2021. Affinché il risarcimento sia dovuto, è però decisivo un aspetto: il materiale scivoloso presente sul marciapiede (o sulla strada) deve essere conseguenza di un’azione compiuta da una persona legata al negozio/ristorante/esercizio commerciale. A...
atto di precetto

Senza la notifica del titolo esecutivo, l’atto di precetto è nullo

Se il titolo esecutivo non è stato preventivamente notificato l’atto di precetto è nullo: l’ha stabilito la Corte di Cassazione con la sentenza n.1096/21 depositata il 21 gennaio. Che cos’è l’atto di precetto? L’atto di precetto è un’intimazione di pagamento, conseguente ad un titolo esecutivo (es un decreto ingiuntivo o una sentenza ecc.). Lo disciplina l’articolo 480 del Codice Civile, che lo definisce “l’intimazione di adempiere l’obbligo risultante dal titolo esecutivo, entro un termine non minore di dieci giorni, salva...
diritti e doveri del lavoratore a tempo indeterminato

Quali sono i diritti e i doveri di un lavoratore a tempo indeterminato?

Il posto fisso, almeno in Italia, è un’ambizione di molti. Il motivo? La certezza di avere i soldi accreditati sul conto corrente ogni mese, la sicurezza di permessi e malattie pagati. E molto, moltissimo altro. Ma quali sono per davvero i diritti di un lavoratore a tempo indeterminato? Scopriamolo insieme. Lavoro a tempo indeterminato – Quali sono le sue caratteristiche? Il lavoro a tempo indeterminato è un tipo di lavoro subordinato, la cui caratteristica primaria è l’esistenza di una subordinazione:...

Contratto di rendita vitalizia: cos’è la casa dietro vitalizio

Il contratto di rendita vitalizia, o vitalizio alimentare, è un contratto vero e proprio che richiede la presenza di un notaio. Viene stipulato dal genitore (o da un nonno) che, con la volontà di anticipare la divisione dei beni tra i futuri eredi, cede ad un figlio la nuda proprietà della casa in cui abita. In cambio, il figlio si impegna a prendersi cura di lui. È importantissimo non confondere il contratto di rendita vitalizia con una donazione. Il genitore,...
superbonus 110%

Superbonus 110%, tutte le novità attese nel 2021

Il Superbonus 110% proseguirà fino al 30 giugno 2022, con ulteriori 6 mesi di tempo per la conclusione dei lavori: è quanto stabilito dalla Legge di Bilancio 2021. Ma che cos’è il Superbonus 110% e quali interventi copre? Che cos’è il Superbonus 110%? Introdotto dal Decreto Rilancio, il Superbonus 110% è un’agevolazione fiscale che consente di detrarre al 110% specifici interventi per l’efficientamento energetico e antisismico di case e condomini. Per poter usufruire dell’agevolazione, è necessario programmare uno o più...
assegno di mantenimento

Il figlio maggiorenne che non cerca lavoro non ha diritto all’assegno di mantenimento

L’assegno di mantenimento è dovuto dal genitore, negli importi decisi dal giudice, anche al figlio maggiorenne. A stabilirlo è il Codice Civile che, all’articolo 337 septies, spiega come l’assegno debba essere corrisposto fino al raggiungimento dell’autosufficienza economica. C’è però una condizione: al compimento dei 18 anni, per conservare il diritto al mantenimento, il figlio deve essere impegnato nella prosecuzione del percorso di studi oppure – se disoccupato – attivamente coinvolto nella ricerca di un lavoro. Lo ha ribadito la Corte...

Le buste paga possono essere valide prove del credito retributivo

Se munite di firma, sigla o timbro, le buste paga possono essere valide prove del credito retributivo. L’ha stabilito la Corte di Cassazione, con l’ordinanza n. 74/21 del 7 gennaio 2021. Buste paga e credito retributivo – La vicenda La vicenda ha per protagonista una lavoratrice, rivoltasi al Tribunale dopo che il curatore fallimentare aveva escluso il suo credito (costituito da Euro 10.244,85 a titolo di t.f.r. e dalle ultime tre mensilità) dallo stato passivo. Ove, per stato passivo, si...
1 2 3 11

Leave a Reply