Contattaci per una consulenza +39 091 58 58 64 o per email info@studiolegaleacp.it
Seguici sui Social Network
Contattaci per una consulenza +39 091 58 58 64 o per email info@studiolegaleacp.it
Seguici sui Social Network

In seguito alla separazione, spesso uno dei due coniugi è tenuto a versare un assegno di mantenimento all’altro, soprattutto se ci sono figli. Con questa incombenza, diventa difficile per la persona che versa il mantenimento, rifarsi una famiglia, soprattutto se il suo reddito non è particolarmente elevato.

Questa è una realtà comune a molti e di recente la Cassazione si è espressa riguardo alla riduzione dell’assegno di mantenimento quando nascono nuovi figli.

Modifica assegno di mantenimento: cosa dice la legge

Quando una coppia si separa,  capita frequentemente che il coniuge che si occupa in via prevalente dei figli,  riceve dall’altro un assegno  di mantenimento. 

Questo è rapportato alle possibilità economiche dell’altro e dovrebbe garantire l’autosufficienza del beneficiario, non necessariamente lo stesso tenore di vita precedente alla separazione.

È importante ricordare che l’assegno di mantenimento può subire revisioni nel tempo, se si verificano cambiamenti considerevoli nella condizione economica di uno dei due. 

In particolare, se la donna (o la parte che riceve il contributo al mantenimento) riceve un’eredità consistente oppure inizia una nuova convivenza stabile, l’importo dell’assegno di mantenimento può essere ridotto

mantenimento figli

Diversa è la condizione in cui è la parte che versa a ricevere un’eredità perché, in questo caso, si tratta di beni acquisiti che non dipendono dal lavoro e su cui l’ex coniuge non può annoverare alcun diritto.

Assegno di mantenimento e nascita di nuovi figli

Di recente la Cassazione si è pronunciata su un caso riguardante la revisione dell’assegno di mantenimento in seguito alla costituzione di una nuova famiglia e alla nascita di un nuovo figlio da parte del coniuge che provvede al mantenimento dell’altro. 

Con la sentenza n. 16725/22 del 24.05.2022, i giudici hanno ricordato il principio secondo cui l’assegno di mantenimento in seguito a divorzio non è intoccabile, ma può subire variazioni quando le condizioni economiche di una delle due parti cambia. 

Nel caso in questione, la persona che versa il mantenimento ha una nuova relazione stabile, da cui è nato un nuovo figlio. La formazione di una nuova famiglia ha modificato le spese mensili della persona, che ora deve provvedere a sostenere anche il nuovo nato. 

Per maggiori informazioni, contattaci al n. 091585864, o manda una mail a info@studiolegaleacp.it oppure ancora su Skype, aggiungendo l’account studiolegaleacp, un nostro esperto sarà a tua completa disposizione.

Leave a Reply