Contattaci per una consulenza +39 091 58 58 64 o per email info@studiolegaleacp.it
Seguici sui Social Network
Contattaci per una consulenza +39 091 58 58 64 o per email info@studiolegaleacp.it
Seguici sui Social Network

Quando non può essere effettuato il pignoramento dello stipendio?

Lo stipendio può essere pignorato fino ad un quinto del suo totale, mentre le pensioni possono essere pignorate nella stessa misura ma solo dopo aver garantito il minimo vitale (che ammonta ad una volta e mezzo l’assegno sociale). Una differenza, questa, giustificata dalla maggior fragilità degli anziani.

Ma quando non può essere effettuato il pignoramento dello stipendio, invece?

Come funziona il pignoramento?

La regola generale prevede che venga pignorato al massimo il 20% dello stipendio. Se i creditori sono diversi si può arrivare al 50% dello stipendio, ma solo in presenza di classi di credito diverse. I crediti possono appartenere infatti a tre diverse classi:

  • alimentare (es. mantenimento dei figli)
  • fiscale (imposte, cartelle esattoriali)
  • altra natura privata (condominio, fornitori)

Ciò significa che, se il credito appartiene a due diverse classi, possono venire pignorati due quinti dello stipendio. Se i creditori appartengono alla stessa classe, il secondo creditore “si accoda”.

Se alla base del pignoramento vi è un debito nei confronti dell’Agenzia delle entrate-Riscossione, può essere trattenuto:

  • un decimo dello stipendio se questo non supera i 2.500 euro
  • un settimo se lo stipendio è compreso tra 2.501 e 5.000 euro
  • un quinto se lo stipendio è maggiore di 5.000 euro

La somma pignorata viene trattenuta alla base, prima che lo stipendio venga versato al lavoratore (in quanto l’atto viene notificato al datore di lavoro). E se invece lo stipendio è già stato depositato in banca? Il creditore può effettuare il pignoramento solamente sulla giacenza che supera di tre volte l’importo dell’assegno sociale. Questo, se sul conto viene depositato solo lo stipendio. In caso contrario, invece, tale “tutela” non si applica.

pignoramento dello stipendio

Quando non può essere effettuato il pignoramento dello stipendio?

A differenza di quanto accade per la pensione, lo stipendio può di fatto essere sempre pignorato. Il lavoratore è infatti garantito da quella quota massima del 20% che può essere trattenuto.

Quando non può essere effettuato il pignoramento dello stipendio? Solo in un caso: se il debitore si è opposto all’esecuzione forzata e il giudice ha sospeso l’efficacia del titolo esecutivo. Per farlo, il debitore deve agire per mezzo del suo avvocato per fermare l’azione del creditore. Ad esempio non può essere effettuato il pignoramento se la procedura ha un vizio nella forma o nella sostanza.

Per maggiori informazioni, contattaci al n. 091585864, o manda una mail a info@studiolegaleacp.it oppure ancora su Skype, aggiungendo l’account studiolegaleacp, un nostro esperto sarà a tua completa disposizione.

Leave a Reply